Un'attesa lunga un anno ma finalmente la serie C è giunta ai nastri di partenza e la S.G.A. MioVolley di coach Anni è pronta a scendere in campo per la prima giornata di campionato sul campo di casa contro le modenesi del Corlo.

La partenza della serie C 2020/21 spezza una routine fatta di allenamenti e regala alle ragazze della squadra una nuova verve che traspare chiaramente dalle parole della capitana, Chiara Galibardi.

«Abbiamo affrontato questa lunghissima attesa con un po’ di timore, il timore che non si ricominciasse: non è stato facile dopo l’ennesimo stop tenere il morale alto - racconta Chiara - Le sensazioni sono tante, la prima è di felicità nel riprendere la nostra quotidianità di sportive in toto: ci sarà tensione, grinta e voglia di fare bene, impegno e desiderio di confrontarsi in questa nuova categoria. Il precampionato è stato decisamente lungo ma voglio vedere la cosa dal lato positivo: ci siamo preparate tanto, ora è arrivato il momento di mettere tutto in pratica e tentare di raggiungere gli obiettivi prefissati».

Sensazioni ed emozioni personali che si fondono con quelle delle compagne. «Mi porto dietro da questo precampionato la consapevolezza dei miei punti di forza e quelli di debolezza, ovviamente anche la voglia di ricominciare, di mettermi in gioco ed esprimere il massimo sul campo quello che fino ad oggi è stato solo allenamento. La squadra in generale si porta da questo precampionato lunghissimo uno spirito coeso e affiatato che è cresciuto sempre più durante questi mesi di attesa».

Ad attendere la formazione under 19 del MioVolley ci sarà un'avversaria decisamente probante: Corlo è squadra che conosce bene la categoria e può contare su giocatrici di esperienza. «Penso che l’emozione sarà tangibile ma dovremo essere brave a trasformarla in adrenalina pura e positiva, che ci porti ad imporre il nostro gioco ed il nostro ritmo».
 

C'è Parella per la prima casalinga, Trabucchi: «Pensiamo a noi e al nostro gioco»
Il Corlo passa all’esordio in serie C: SGA MioVolley superata 3-0